Eduino Maoro architetto (1875-1950)

Titolo: Eduino Maoro architetto (1875-1950)

Autore: Giuliana Campestrin (a cura di)

Anno: 2005

Presentazione: Molte sono le opere architettoniche progettate da Eduino Maoro a Pergine e nel Perginese, ma anche a Trento e in altre località del Trentino. Si tratta di costruzioni di notevole pregio artistico, quali case di abitazione civile, ville, alberghi, opere pubbliche (acquedotti, fontane, ponti, strade), strutture artigianali, industriali e turistiche, edifici monumentali e di culto.
L’assetto edilizio del borgo di Pergine e delle frazioni limitrofe riflette ancora le caratteristiche tipiche dello stile eclettico del “Baumeister” perginese. Esso contempera con disinvoltura svariate correnti, dal gotico al romanico, al rinascimentale, al liberty, fino alla commistione dei linguaggi alla ricerca di sperimentalismi, di nuove forme espressive e di accorgimenti stilistici che potessero nobilitare, senza appesantire, una struttura funzionale, pratica, con effetti esteticamente gradevoli, in armonia con il contesto in cui essa sorge. In questa prospettiva nascono così edifici “istituzionali” del Perginese, come Villa Rosa, complesso neogotico di forte impatto scenografico che domina la piana sottostante. Non vanno poi dimenticate le ville a San Cristoforo (Villa Walde, Villa Alefeld-Darmstadt, Villa Rosenthal, Villa Frey …) che riflettono il gusto d’oltralpe dei loro facoltosi committenti; il ricreatorio femminile “La Provvidenza”; la Fontana Saliente con i cavalli in cemento armato all’ingresso del borgo di Pergine realizzati nel laboratorio-scuola professionale annesso all’impresa Maoro.
Avanguardistica fu pure la definizione data dal Maoro alla nascente area industriale intorno alla stazione ferroviaria della Valsugana, punto nevralgico per il trasporto e lo scambio delle merci. Sfumato alla vigilia della grande guerra il progetto di un lussuoso stabilimento balneare per la valorizzazione delle acque termali di Sant'Orsola, il Maoro si fa interprete delle esigenze economiche e produttive dell’immediato primo dopoguerra con la progettazione sulla stessa area di una fabbrica per la torrefazione del caffè e di uno stabilimento per imballaggi, scope e spazzole. Intanto la zona fabbricabile del borgo si espandeva, seppur lentamente, in località “alle Giarette”, mentre in centro si provvedeva ad opere di ampliamento, sopraelevazione e ristrutturazione, affidate allo stimato professionista perginese.
Personaggio poliedrico, Eduino Maoro seppe unire all’esercizio della professione l’azione politica e sociale in periodi storici piuttosto critici. Lo scoppio della Prima guerra mondiale interruppe infatti il suo mandato di rappresentante comunale. Nel 1922 fu eletto sindaco, ma una legge fascista del 1923 dispose il commissariamento straordinario del Comune, affidato a Leopoldo Lioy. Contemporaneamente fu anche giudice conciliatore, presidente del Consorzio d’irrigazione, consigliere della Cassa Rurale e artigiana, sindaco del collegio degli architetti e degli ingegneri, componente di comitati di beneficenza e della commissione edilizia comunale.
Il genio creativo del Maoro si esprime non solo nell’attività lavorativa, ma anche nell’hobby della pittura in cui egli traccia paesaggi e scene di caccia in un armonioso equilibrio di colori e forme.   

Indice: Presentazione (Renato Nisco e Renzo Anderle) - Parte I: Eduino Maoro. L'attività professionale e l'impegno civile - Cenni biografici e opere di Eduino Maoro (1875-1950) (a cura di Giuliana Campestrin) - Albero genealogico della famiglia Mauro o Maoro di Pergine - Eduino Maoro "cittadino benemerito" (Roberto Gerola) - Eduino Maoro: l'uomo, l'imprenditore, l'architetto (Renzo Acler) - Eduino Maoro, sindaco di Pergine (Giuliana Campestrin) - Eduino Maoro: il ricordo di un amico (Giuseppe Stelzer) - Eduino Maoro: un uomo d'altri tempi (Elda Nollo) - Bibliografia - Villa Rosa - Parte II: Eduino Maoro. La passione pittorica - Eduino Maoro pittore (Maria Teresa Natale) - Indice dei nomi di persona - Indice dei nomi di luogo - Indice delle illustrazioni.

Note di edizione: Pubblicazione edita in occasione della mostra “In ricordo di Eduino Maoro” allestita a Pergine Valsugana (Sala Maier, 2-13 dicembre 2005) dal Comune di Pergine Valsugana, Assessorato alla Promozione culturale. 

Pagine: 140
Prezzo Euro: 15,00