Agricoltura - Vendita del proprio prodotto agricolo

Descrizione servizio

Gli imprenditori agricoli, singoli od associati, possono vendere direttamente al dettaglio in tutto il territorio della Repubblica i prodotti provenienti in misura prevalente dalle rispettive aziende osservate le disposizioni vigenti in materia di igiene e sanità.

Il criterio della prevalenza è determinato in relazione alla quantificazione sull'ammontare dei ricavi che per i prodotti non provenienti direttamente dalle rispettive aziende nell'anno solare precedente non deve essere superiore per gli imprenditori individuali a Euro 160.000 e per le società a 4 milioni di Euro. Nel rispetto del suddetto criterio è quindi possibile vendere anche prodotti derivanti da altre aziende agricole.

Le modalità di svolgimento della vendita possono aver luogo nelle seguenti forme:

  • in forma itinerante
  • in locale aperto al pubblico
  • in forma non itinerante su aree pubbliche
  • tramite commercio elettronico sul sito web
  • presso il luogo dove ha sede l’azienda di produzione
  • su altre aree private di cui l'imprenditore agricolo ha la disponibilità.  

L'art. 30-bis del D.L. 21.06.2013, n° 69 convertito con modificazioni nella L. 09.08.2013, n° 98 ha rimosso la possibilità di vendita senza comunicazione di inizio attività su altre aree private di cui gli imprenditori abbiano la disponibilità, come previsto nel testo previgente.

Ai sensi dell'art. 4 , comma 8-ter, del D.lgs. n° 228/2001 e ss.mm., l'attività di vendita diretta dei prodotti agricoli ai sensi del citato articolo, non comporta cambio di destinazione d'uso dei locali ove si svolge l'attività e può esercitarsi su tutto il territorio comunale a prescindere dalla destinazione urbanistica della zona in cui sono ubicati i locali a ciò destinati.

Vendita del proprio prodotto al mercato settimanale

Nel mercato settimanale del sabato sono riservati 8 posteggi per la vendita del proprio prodotto agricolo. Per vendere il proprio prodotto agricolo al mercato, occorre presentare domanda di inserimento in graduatoria, che consente di partecipare alla spunta occupando i posteggi resi vacanti dagli attuali titolari concessionari dei posteggi.

Come e cosa fare

Requisiti:

-essere iscritti al Registro Imprese della Camera di Commercio in qualità di imprenditori agricoli.

-non avere riportatato condanne, con sentenza passata in giudicato, per delitti in materia di igiene e sanità o di frode nella preparazione degli alimenti nel quinquennio precedente all'inizio dell'esercizio dell'attività. Il divieto ha efficacia per un periodo di cinque anni dal passaggio in giudicato della sentenza di condanna.

Allegati: copia di documento di identità di tutte le persone che sottoscrivono il modello a meno che le firme non vengano apposte in presenza del funzionario ricevente

Dove presentare la domanda

Per la consegna della modulistica: UFFICIO EDILIZIA PRIVATA - S.U.A.P.

Per informazioni rivolgersi all'Ufficio di riferimento.

Destinatari
Imprenditori agricoli
Quanto costa
Costi del procedimento: nessuno
Tempi di attesa
Tempi: a decorrere dalla data di invio della comunicazione, di cui all'art. 4, comma 2, primo periodo del D.Lgs. 18.05.2001, n° 228 e ss.mm.
Ufficio di riferimento

Edilizia Privata - S.U.A.P.

 

Piazza Garibaldi, 4

Edificio Ex Filanda, Terzo Piano

38057 Pergine Valsugana (TN)

Lunedì, Martedì e Mercoledì dalle 8.00 alle 14.00

Giovedì dalle 8.00 alle 17.30

Venerdì dalle 8.00 alle 12.00

 

Sportelli specialistici Edilizia Privata: -  previo appuntamento on line

Lunedì dalle 8.00 alle 12.30

Giovedì dalle 14.00 alle 17.30

 

 

Telefono: +39 0461 502233
Fax: +39 0461 502513
Normativa di riferimento

D.lgs. n° 228/2001 e ss.mm.

Modulistica
S.U.A.P. - C - Comunicazione vendita proprio prodotto