Deroga rumori e inquinamento acustico

Descrizione servizio

Il regolamento acustico comunale, approvato con deliberazione consiliare n° 14 dd. 25.03.2015 e modificato con deliberazione consiliare n. 38 dd. 24.06.2015, contiene prescrizioni al fine di tutelare la quiete pubblica e il riposo delle persone dall'inquinamento acustico.

Il regolamento acustico comunale disciplina lo svolgimento di attività rumorose a carattere temporaneo, anche in deroga ai limiti definiti dal Piano di Classificazione Acustica.

Sono considerate attività rumorose a carattere temporaneo:

a) i cantieri edili e stradali svolti per periodi limitati;

b)le manifestazioni o attività ricreative svolte presso pubblici esercizi o circoli privati, a supporto dell’attività principale, attraverso l’uso di sorgenti sonore amplificate e non, con una frequenza che non supera le 4 volte al mese se svolte in ambiente esterno, ovvero le 8 volte al mese se svolte in ambiente confinato;

c) le manifestazioni in luogo pubblico o aperto al pubblico, quali concerti, spettacoli, feste popolari, sagre, manifestazioni di partito, sindacali, di beneficienza, celebrazioni, manifestazioni turistiche e sportive e i luna park, svolte con l’impiego di sorgenti sonore amplificate e non, purché si esauriscono in un arco di tempo limitato e/o si svolgano in modo non permanente nello stesso sito.

Le attività rumorose a carattere temporaneo di cui sopra, possono essere svolte anche in deroga ai limiti di zonizzazione acustica dell’area interessata, nei modi e nelle forme disciplinate dal regolamento citato.

 

Cantieri edili e stradali

 

Sono soggetti a comunicazione i lavori che comportano attività rumorosa relativi a cantieri edili e stradali qualora:

- l’attività rumorosa venga svolta nei giorni feriali, nelle fasce orarie 8.00-12.00 e 13.00- 20.00 e per una durata non superiore a 10 giorni lavorativi nell’arco di un mese;

- l'attività rumorosa venga svolta nei giorni festivi, oppure nei giorni feriali in fascia oraria notturna dalle ore 20.00 alle ore 8.00 del giorno successivo, per una durata non superiore rispettivamente a 2 giorni o due notti nell'arco di un mese;

- nel raggio di 200 mt. non siano presenti ricettori sensibili, ovvero se in presenza di edifici per l’istruzione l’attività sia svolta al di fuori dell’orario scolastico.

La comunicazione va presentata almeno 5 giorni prima dell’inizio dell’attività rumorosa utilizzando l’apposito modulo. Nel medesimo arco di tempo il comune può comunicare all’interessato eventuali prescrizioni puntuali da osservare nell’esercizio dell’attività rumorosa ovvero motivi ostativi al suo svolgimento.

Qualora i lavori rumorosi non rientrino nelle condizioni precedenti, lo svolgimento degli stessi è assoggettato ad autorizzazione in deroga. La domanda di autorizzazione in deroga, deve essere integrata dalla documentazione di impatto acustico sottoscritta da un Tecnico Competente in Acustica e redatta nel rispetto dei criteri riportati nell’allegato B delle Norme di Attuazione del Piano di Classificazione Acustica Comunale, qualora i lavori che comportano attività rumorosa rientrino in una delle seguenti fattispecie:

- eccedano i 30 giorni lavorativi;

- siano svolti nella fascia oraria notturna dalle ore 20.00 alle ore 8.00 del giorno successivo, per una durata superiore a 2 notti;

- siano svolti nei giorni festivi per una durata superiore a 2 giorni.

Sono soggetti a preventiva comunicazione da inviare al Corpo Intercomunale di Polizia Municipale i lavori svolti sulla viabilità per esigenze di sicurezza, ovvero per il ripristino urgente dell’erogazione di servizi pubblici (linee telefoniche ed elettriche, condotte fognarie, acqua potabile, ecc.). In questi casi l’attivazione di macchine rumorose può essere svolta in deroga agli orari e ai limiti massimi di rumorosità ed agli adempimenti amministrativi previsti dal presente regolamento. Nella comunicazione va indicato il luogo dei lavori e le ragioni che motivano la necessità di intervenire con urgenza.

 

 

Manifestazioni svolte presso pubblici esercizi o circoli privati

 

1. Le manifestazioni o le attività ricreative a carattere temporaneo svolte presso pubblici esercizi o circoli privati di cui all’art. 3, comma 1 lettera b), se svolte in ambiente confinato e fino alle ore 1.00, sono soggette a comunicazione. La comunicazione va presentata almeno 10 giorni prima dell’inizio dell’attività rumorosa utilizzando l’apposito modulo. Nel medesimo periodo il Comune può comunicare all’interessato eventuali prescrizioni puntuali da osservare nell’esercizio dell’attività rumorosa ovvero motivi ostativi al suo svolgimento.

2. Le attività di cui al primo comma, qualora svolte in ambiente esterno, ovvero in ambiente confinato oltre le ore 1.00, sono assoggettate ad autorizzazione in deroga di cui all'art. 7 del regolamento

3. Qualora le attività di cui ai precedenti commi si protraggano oltre le ore 1.00, la domanda di l'autorizzazione in deroga deve essere corredata dalla documentazione di impatto acustico sottoscritta da un Tecnico Competente in Acustica e redatta nel rispetto dei criteri riportati nell’allegato B delle Norme tecniche di attuazione del Piano di Classificazione Acustica Comunale.

4. Sono esonerate dagli adempimenti del presente articolo le manifestazioni svolte presso associazioni o circoli privati nell’arco di una sola giornata e nella fascia oraria 8.00 - 22.00.

 

Manifestazioni in luogo pubblico o aperto al pubblico

 

1. Le manifestazioni in luogo pubblico o aperto al pubblico di cui all’art. 3, comma 1, lett. c), del regolamento citato, sono soggette ad autorizzazione in deroga di cui all' art. 7 dello stesso regolamento.

2. Qualora l’attività rumorosa si protragga oltre le ore 1.00, la domanda di autorizzazione in deroga deve essere integrata dalla documentazione di impatto acustico sottoscritta da un Tecnico Competente in Acustica e redatta nel rispetto dei criteri riportati nell’allegato B delle norme tecniche di attuazione del Piano di Classificazione Acustica Comunale.

3. Nel rilascio dell’autorizzazione il comune valuta le finalità della manifestazione, la durata della stessa il periodo in cui si svolge e la popolazione potenzialmente esposta, con particolare riguardo ai recettori sensibili, la frequenza di altre manifestazioni o altre attività temporanee che interessano il medesimo sito, e il rumore determinato dall’afflusso e deflusso del pubblico e del relativo traffico veicolare. Nell’autorizzazione il comune può stabilire eventuali valori limite da rispettare, limitazioni di orario e di giorni per lo svolgimento della manifestazione, e altre misure e prescrizioni per ridurre al minimo le emissioni sonore e il disturbo.

4. Sono esentate dalla presentazione della domanda in deroga:

- le manifestazioni organizzate in occasione del capodanno;

- le manifestazioni organizzate in occasione delle “notti bianche;”

- le manifestazioni previste nella convenzione con l'APT o la Proloco di Pergine

Valsugana;

Sono altresì esonerate dagli adempimenti del presente regolamento le manifestazioni svolte in una

sola giornata in ambiente non confinato nel rispetto delle seguenti prescrizioni:

- svolte nella fascia oraria compresa fra le 8.00 e le 22.00 e la durata non deve eccedere

complessivamente le 4 ore;

- non devono essere svolte in prossimità di recettori sensibili;

- il livello di emissione sonora non può superare i limiti acustici indicati alla lettera c)

punto 5) della DGP 390/2000 ss.mm...

 

Esercizi pubblici e attività commerciali

 

Fatta esclusione per le possibilità di deroga previste per le attività rumorose a carattere temporaneo di cui al precedente titolo, negli esercizi pubblici, nei circoli privati e negli esercizi commerciali le attività di intrattenimento complementari non devono determinare il superamento dei limiti di emissione e di immissione previsti nella classificazione acustica del territorio comunale.

Gli apparecchi di diffusione sonora, amplificati e non, devono essere installati in ambiente chiuso e comunque acusticamente confinato, mettendo in atto misure per evitare che il rumore si propaghi verso l’esterno, e devono in ogni caso essere rispettati i limiti di pressione sonora stabiliti dal D.P.C.M. 215/1999.

Come e cosa fare

Deve essere presentata comunicazione o damanda di autorizzazione in deroga a seconda delle tipologie di manifestazione che si intende organizzare.

La comunicazione va presentata almeno 10 giorni prima dell’inizio dell’attività rumorosa utilizzando l’apposito modulo.

La domanda di autorizzazione in deroga, eventualmente corredata dalla documentazione di impatto acustico sottoscritta da un Tecnico Competente in Acustica, va presentata almeno 30 giorni prima dell’inizio dell’attività rumorosa utilizzando l’apposito modulo.

Dove presentare la domanda

Per informazioni rivolgersi all'Ufficio di riferimento

Destinatari

Gestori Esercizi Pubblici, Associazione e Comitati, Imprese edili

Quanto costa

n° 2 marche da bollo da € 16,00 cad. (una per la domanda di autorizzazione in deroga ed una per l'autorizzazione), nessun costo per la comunicazione.

Tempi di attesa

In caso di comunicazione nessuno, in caso di inoltro di domanda di autorizzazione in deroga 30 gg.

Ufficio di riferimento

Edilizia Privata - S.U.A.P.

 

Piazza Garibaldi, 4

Edificio Ex Filanda, Terzo Piano

38057 Pergine Valsugana (TN)

Lunedì, Martedì e Mercoledì dalle 8.00 alle 14.00

Giovedì dalle 8.00 alle 17.30

Venerdì dalle 8.00 alle 12.00

 

Sportelli specialistici Edilizia Privata: -  previo appuntamento on line

Lunedì dalle 8.00 alle 12.30

Giovedì dalle 14.00 alle 17.30

 

 

Telefono: +39 0461 502233
Fax: +39 0461 502513
Normativa di riferimento

L. 26.10.1995, n° 447;

D.P.C.M. 14.11.1997 e D.M. 16.04.1999;

L.P. 11.09.1998, n° 10 e D.P.G.P. 26.11.1998, n° 38-110/Leg.;

Deliberazione G.P. 25.02.2000, n° 390, deliberazione G.P. 26.01.2001, n° 153 e deliberazione 14.06.2002, n° 1333.

Regolamento acustico comunale, approvato con deliberazione consiliare n° 14 dd. 25.03.2015.

 

Modulistica
S.U.A.P. - CE - Domanda deroga rumori
S.U.A.P. - E - Comunicazione attività rumorosa cantieri edili e stradali
S.U.A.P. - C - Comunicazione attività rumorosa temporanea presso pubblici esercizi o circoli privati